Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2006/04/20

Consiglio Comunale 06.05 Il libro dei sogni

Consiglio Comunale 06.05 IL Libro dei sogni e degli incubi


Lo scorso tre giugno, nella sala consiliare Padre Bagliesi, si è svolto il Consiglio Comunale all’ordine del giorno diversi punti di riferimento all’approvazione del Bilancio di Previsione. La seduta è iniziata alle ore 20.00 e a causa degli argomenti da trattare la seduta è terminata a notte inoltrata alle ore 01,45. Prima di riportare ciò che è avvenuto in aula, vorremmo invitare alcuni consi-glieri della maggioranza del grup-po “Isola per Tutti” di non essere presenti solo fisicamente ma con la mente, perché non davano questa impressione. Perchè non solo non seguivano il dibattito in aula, ma disturbavano la seduta con argo-menti che non avevano niente in comune con quelli trattati in aula consiliare. Tra l’altro leggendo i verbali della delibera si rileva che della Maggioranza sono intervenuti ai dibattiti solamente i consiglieri Cutino e Micali. Di contro, al momento della votazione tutti si destano dai loro interessi e con un gesto del Sindaco o del Vice Sin-daco si alzano in modo automatico nove bracci. Pertanto, l’argomento è stato approvato con e quindi ringraziamo il sig. Sindaco per averci fatto partecipare. Il primo punto all’ordine del giorno era la vendita dell’appezzamento di ter-reno sito in contrada Costa, il consigliere Stefanini fa osservare che il terreno fino a pochi anni addietro era discarica pubblica e quindi prima di metterlo in vendita sarebbe stato opportuno bonificarlo e probabilmente il costo di tale operazione sarebbe stata di gran lungo superiore al valore del terreno stesso. A tal proposito il Sindaco affermava che prima di procedere alla vendita si darà corso a tutte le indagini necessarie, e che il Consiglio è in grado di espri-mersi sulla proposta che risulta priva di vizi di forma e di legit-timità, e parimenti, in prosieguo, è possibile decidere l’adozione del bilancio con la previsione dell’en-trata derivante dalla vendita. L’As-sessore Aiello ritiene necessario che siano precisati i tempi d’uti-lizzo della discarica e il materiale effettivamente depositato, solo alla presenza di detti elementi potrà parlarsi di un’eventuale bonifica, invita, inoltre, ad essere cauti per non ingenerare allarmismi che al di là di mettere in difficoltà la maggioranza potrebbero ripercuo-tersi negativamente su tutta la cittadinanza. Il consigliere Cutino afferma che la bonifica prescinde dall’ipotesi della vendita, mentre i consiglieri Stefanini, Gradino e Pagano fanno rilevare che non si può avere certezza della tipologia dei rifiuti, però fanno ricordare che nel passato si sono svolte delle manifestazioni popolari per fare chiudere la discarica. Il consigliere Rubino afferma che alla presenza di una Delibera di Giunta Muni-cipale, alla qual è allegata una perizia di stima che parla d’area libera ignorando la presenza di una discarica, non può parlarsi solo d’ipotesi di vendita. Sarebbe stato giusto, che prima di formalizzare il provvedimento, peraltro durante l’esame del PRG, la Giunta avesse disposto opportune indagini, avva-lendosi anche degli organi compe-tenti. In questo caso l’Esecutivo dimostrava cautela e trasparenza nell’amministrare la cosa pubblica, mente sembra che probabilmente la scelta di vendita è stata dettata solamente per il pareggio del Bilan-cio, non c’è stata alcuna cautela, la stessa cautela che l’Assessore Aiel-lo chiede al gruppo d’opposizione perché non la chiede al suo gruppo?. Se ci saranno delle riper-cussioni negative su tutta la cittadinanza sarà solo respon-sabilità di questo Esecutivo che avrà messo in vendita una discarica pubblica, considerando una even-tuale vendita come un’entrata in Bilancio e non solo, ma raggirando quei cittadini che in buona fede vorrebbero acquistare un appez-zamento di terreno e in seguito si ritrovavano una montagna di rifiuti d’ogni genere. Sicuramente la cessione non è finalizzata alla necessità di offrire servizi alla cittadinanza, come afferma il consigliere Cutino, perché come suggerito dal gruppo “Insieme” per quel terreno si potrebbero chiedere finanziamenti per la costruzione di una Piscina Comunale, questo gesto significherebbe offrire servizi alla cittadinanza. Ma la verità è che la vendita serve per coprire le indennità che percepiscono i nostri Amministratori. Il consigliere Cutino concordava sulla necessità di bonificare l’area, allora non comprendiamo il perché ha votato per l’approvazione della delibera? Però come abbiamo scritto prima il Sindaco fa un gesto e d’incanto le mani si sono alzate. Continuando sui punti previsti nell’ordine del giorno il vice Sindaco illustrava il Programma Triennale delle Opere Pubbliche del 2005-2007, conclu-dendo definiva tale programma come il “libro dei sogni”. Il con-sigliere Gradino evidenziava che da tale libro dei sogni sono state tolte la realizzazione della Biblico-teca comunale e la sistemazione di via Mazzara, opere per le quali sono state già acquisiti i progetti e pagati i progettisti, a tal proposito chiede chiarimenti sulla realizza-zione del Centro Diurno per an-ziani, sulla Caserma dei Carabi-nieri e sugli alloggi popolari, opere previste nel libro. Il vice Sindaco afferma che ci sono difficoltà a trovare i fondi per il Centro diurno, che per la Caserma a causa dell’iter burocratico il progetto si trova in un punto di stallo e che per la realizzazione degli alloggi popolari c’è la rinuncia. Allora ci chiediamo spontaneamente quali siano i mo-tivi per cui sono stati inseriti nel piano triennale. Il consigliere Ru-bino, inoltre, fa presente che molte opere del libro dei sogni sono iscritte con finanziamento “pro-prio”, cioè in pratica con soldi comunali per un importo di circa sette milioni di euro, circa £. 14.000.000.000. Ma da dove si pensa di trovare una somma del genere? Forse dal cilindro magico come afferma il Sindaco e il consigliere Cutino? Sognare fa bene, ma prendere in giro la cittadinanza fa male. Questa Am-ministrazione, figlia di pescatori, di amici dei pescatori, parenti dei pescatori, hanno inserito il com-pletamento del porto d’Isola al 59° posto dell’ordine di priorità gene-rale su 60 opere prese in consi-derazione, sembrerebbe che all’E-secutivo abbia come prioritario l’urbanizzazione della zona via dell’Agricoltura, dove saranno costruiti n. 50 alloggi della ditta Calliope, i pescatori dovrebbero ringraziare i loro figli, amici, parenti Amministratori. Altro argomento trattato dai consi-glieri è la determinazione della percentuale di copertura dei costi dei servizi a domanda individuale, il Sindaco, precisa che i servizi sono Scuolabus e utilizzo Impianti spor-tivi. Il consigliere Rubino fa notare che la percentuale è stata stabilita dall’Esecutivo in ragione del 15%, prevedendo in Bilancio l’entrata di € 3.050,00 cifra riportata nella Relazione del Collegio dei Revi-sori. Il consigliere Cutino, sentito ciò che aveva appena detto Rubino, sorpreso interrompe i lavori per confrontarsi con il suo gruppo. Però alla ripresa dei lavori Cutino, su suggerimento del Sindaco, propone all’assemblea la percen-tuale di copertura in ragione del 15% e i consiglieri del gruppo “Isola per Tutti” approvano. Che figura consigliere Cutino questa se la poteva risparmiare, sempre per il principio che Lei non accetta sug-gerimenti. L’approvazione di que-sta entrata fa sì che per la prima volta nella storia dello sport isolano l’Associazione Sportiva locale deve pagare al Comune l’importo di € 1.250,00 per usufruire del campo sportivo. Ricordiamo che l’Asso-ciazione sportiva è senza fini di lucro, non fa pagare nessun tipo d’iscrizione ai ragazzi che si avvicinano allo sport, ma non solo è un punto di riferimento per quei giovani che si ritrovano al campo sportivo in mancanza di scelte che quest’Amministrazione non ha saputo creare. I Dirigenti dell’As-sociazione Sportiva hanno portato avanti negli ultimi anni lo sport ad Isola con grandi sacrifici sia in termini economici che personali, cosa che Voi non potete com-prendere in quanto totalmente as-senti. Sul successivo argomento e quindi delibera inerente alla copertura dei posti vacanti in Pianta Organica è stata approvata all’una-nimità dell’Assemblea, non vuole fare nessun commento, però ricordiamo a questa Amministra-zione, precisamente a qualche As-sessore, che non è corretto fare pressioni sui dipendenti, invitiamo gli stessi a giudicarsi.
La Redazione

Nessun commento: