Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2006/04/13

Il significato dei gesti Il controllo dei controllori

Il controllo dei controllori

I fatti:

Un Professore Assistente Universitario di Palermo, per 15 anni,
senza perdere un colpo, fuggevolmente ogni 27 del mese si
presentava per ritirare lo stipendio. Emolumenti complessivamente
ritirati in 15 anni Euro 469.411. Ore dedicate all’attività didattica?
Zero. E alla ricerca? Che domande: zero. La sua presenza in 15 anni
si limitava alla sola giornata del 27. La giustificazione è stata che si
sentiva messo da parte.

Morale:

La vergogna non è l’assistente che non assiste, ma il controllore che
non controlla. Forse l’impunità fa parte di un tacito accordo di
reciproca convenienza, quando all’indesiderato si concede la
garanzia del posto e dello stipendio in cambio della sua assenza,
considerata meno dannosa della presenza.

Nessun commento: