Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2006/04/13

Il significato dei gesti Trallucci e vino

TARALLUCCI E VINO

I fatti:

In Italia si discute tanto della recessione, le cause sembrano essere la
nostra poca competitività, per l’assenza d’investimenti in ricerca ed
innovazione. La giunta multicolore Aiello-Bologna-Portobello
(la successione non è di natura alfabetica) nell’ultimo C.C. presentando
il bilancio, ci comunica che per: sviluppo economico-sostegno attività
produttive per il 2005 ha destinato 1,50 Euro. Oltre! Nel presentare
il libro dei sogni (opere pubbliche 2005-07) ci è stato detto che è solo
una raccolta di sogni. Quindi non realizzabili.
Infine! Il Signor Bologna, per ridestare la bivaccante e sonnolenta
maggioranza, informa noi cittadini di essere indebitati per 20 Miliardi
(vecchio conio), non sappiamo se lo stato patrimoniale potrà garantire
il debito (il bilancio è man-cante della situazione patrimoniale).
C’è poco da ridere!

Morale:
I tarallucci e vino, messi all’ingresso della sala consiliare, servivano
forse a festeggiare l’incapacità di pianificare entrate e uscite
determinando perciò un non rispetto del patto di stabilità?

Nessun commento: