Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2006/04/16

Legge Finanziaria 2006


Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 29 dicembre 2005 la legge finanziaria 2006 (legge n. 266 del 23 dicembre 2005).
Il testo della Finanziaria 2006 è composto da un solo articolo con ben 612 commi.
Queste le principali misure della manovra:
tagli agli enti locali: modificato il patto di stabilità interno. La spesa corrente 2006 per le Regioni dovrà essere pari a quella del 2004 meno il 3,8%, mentre per Province e Comuni non dovrà essere maggiore di quella 2004 meno il 6,5%;

bonus bebè: assegno di 1.000 euro per ogni figlio nato o adottato nel 2005 e per i figli dal secondo in su nati o adottati nel 2006. E' previsto un tetto di reddito di 50.000 euro annui;
asili nido: le spese sostenute per mandare i figli all'asilo saranno detraibili per il 19% fino ad un massimo di 632 euro annui per ogni figlio;

costo del lavoro: tagliati dell'1% i contributi sociali a favore dei datori di lavoro. La misura sostituisce l'intervento sull'Irap;

Banca del Sud: costituita la Banca del mezzogiorno con una spesa di 5 milioni di euro per l'apporto di capitale da parte dello Stato, quale soggetto fondatore.

frodi finanziarie: per indennizzare i risparmiatori vittime di frodi finanziarie e del default dei titoli obbligazionari della Repubblica argentina è costituito un fondo alimentato dai depositi dormienti bancari e assicurativi;

stipendi dei politici: approvata la riduzione del 10% degli stipendi dei parlamentari nazionali ed europei, sottosegretari, sindaci, presidenti di regione e provincia;

notai: taglio del 20% della parcella del notaio;

porno tax: istituita un'addizionale del 25% alle imposte sul reddito per chi produce o distribuisce materiale pornografico o che induce alla violenza.
(Altalex, 29 dicembre 2005)

Nessun commento: