Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2006/04/20

Paese Ricco...Rifiuti Preziosi

Paese ricco..Rifiuti preziosi
Come ogni domenica leggendo le delibere di giunta e le determine, si è appreso degli aumenti che tutta la cittadinanza si appresterà ad accor-gersene nelle future bollette di rifiuti, ICI e quant’altro. Ma quello che ci salta immediatamente agli occhi è l’aumento considerevole della tassa sui i rifiuti. Vorremmo fare un punto della situazione per agevolare i nostri lettori a cono-scere di quanto sia lievitata negli anni la tassa sui rifiuti. Negli anni ’95-‘99 quando l’Assessore dele-gato al Servizio Igiene-Ambientale era il Sig. Cataldo Orazio con delibera n. 16 del 28.02.97 si era diminuito la tassa smaltimento RR.SS.UU. da £ 2.500 a £ 2.000 mq e nonostante il costo si era riabbassato i nostri lettori ricor-deranno che le strade del nostro paese erano molto più puliti di adesso. Forse perché questo ser-vizio era seguito con più impegno ed oculatezza ottimizzando i costi? Nel periodo successivo che va dal ’99-04 il servizio passa di mano all’Assessore delegato Gaspare Portobello che ha creato un gran-dissimo apparato, aumentando il numero di operai e di impiegati, e alcuni di questi diventano dirigenti, acquisto di mezzi, campagna pub-blicitaria. Tutto era stato organiz-zato per avere un servizio eccel-lente e nella sicurezza che una volta avviata la raccolta differenziata si dovevano avere dei vantaggi per tutta la Cittadinanza, trasforman-dosi in un migliore servizio ad una diminuzione dei costi. Oggi la real-tà è ben diversa. L’apparato co-struito non ha dato i risultati prefis-sati, probabilmente perché non è stato seguito con la giusta atten-zione, nonostante si sia creato un bel giocattolo questo non ha funzio-nato. Il servizio di raccolta è stato affidato a ditte esterne con una certa continuità contribuendo alla lievi-tazione dei costi al punto che oggi si è di triplicato rispetto al ‘97 che è stato di £ 850.000.000 (€ 438.988), nel 2003 è stato di € 923.168 (£ 1.787.502.503 ) e nel 2004 è stato di € 1.045.966 (£ 2.025.272.586). Nonostante tale aumento smisurato notiamo con nostro grande ram-marico che girando per le vie del paese le troviamo sporche, pro-babilmente non si scopano le strade e si trovano rifiuti ovunque, si sco-prono nuove discariche a cielo aperto dentro il centro urbano. Ma a tutto non c’è mai fine si chiede anche un contributo all’Assessorato Regionale per un servizio di pulizia delle zone esterne del centro urbano e in tale richiesta uno si immagina di leggere le vie delle zone limi-trofe del nostro paese, mentre si scopre che hanno indicato la Via Palermo, Via Vespucci, Via Liber-tà, Via Garibaldi, Via Falcone, Via Mattarella. Ci chiediamo: “ma to-gliendo queste vie dalla raccolta rifiuti giornaliera le centinaia di migliaia di euro come sono stati impiegati?”. Ritornando agli au-menti spropositati di cui parlavamo all’inizio dell’articolo, riportiamo una semplice tabella per far notare come gli aumenti si traducono per le abitazioni civili e per tutti gli esercenti:
Traducendo in percentuali queste cifre l’aumento è stato del 32% per le abitazione e del 60% per tutte le attività commerciali. Probabilmente questi aumenti sono spiegabili solo ed esclusivamente per pareggiare il Bilancio di Previsione e coprire le indennità del nostro Sindaco, Vi-cesindaco e Assessori ricordando sempre che sono aumentati di nu-mero e a portafoglio pieno. Gli altri aumenti riguardano le tariffe del suolo pubblico e “new entry” dei cartelli pubblicitari e degli scivoli. Inoltre, raccomandiamo i trasgres-sori del codice stradale di stare molti attenti in quanto uno dei ca-pitoli del bilancio con maggiore entrate è il ricavo delle contrav-venzioni al punto che l’Ammini-strazione ha ritenuto di dare l’in-carico di riscossione ad un ditta esterna.
La Redazione





















Nessun commento: