Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2006/04/20

Statuto dell’Unione dei Comuni

Statuto dell’Unione dei Comuni

Lo Statuto come prevede l’art.1 “stabilisce le norme fondamentali sull’organizzazione ed il funzionamento dell’Ente locale autonomo, UNIONE, composta dai Comuni di Capaci,Isola e Torretta”, lo scopo della nascita di questa Unione scaturisce dall’abbattimento dei costi e miglioramento della gestione dei servizi che i Comuni si appresterebbero a trasferire all’UNIONE come previsto dall’art.6. L’Unione dei Comuni farebbe avere dei finanziamenti dalla Regione che, già persi per l’anno 2003, si perderebbero per l’anno in corso se non si approvasse per tempo lo Statuto. Proprio questi finanziamenti sono stati la leva che ha spinto gli ingranaggi dell’Amministrazione alla scelta di approvare lo Statuto a tutti i costi, consapevoli tutti, che bisognava apportare delle modifiche in successione, ma l’importante era acquisire i benefici del finanziamento. Durante gli ultimi Consigli il gruppo consiliare INSIEME faceva notare ai consiglieri di maggioranza che tale Statuto si era portato in consiglio nell’aprile 2003, e da allora non se ne era più discusso, ma adesso si aveva la necessità di approvare uno Statuto in fretta e furia con errori grossolani ed evidenti. Come mai questa fretta? Forse perché tale approvazione consentirebbe al Sindaco di avere una indennità supplementare alla propria di euro cinquecento? O, male che gli vada, dato che il mandato dura 18 mesi, dovrebbe svolgere la mansione di Assessore e percepirebbe solo una indennità di trecentocinquanta euro in più? Il Sindaco sembrerebbe non aver letto lo statuto dato che afferma,come da delibera: “Che percepirebbe tale indennità solo se i finanziamenti vengono assegnati”, mentre come si evince dallo Statuto la preziosa indennità verrà percepita subito dopo l’approvazione dello stesso. Sono domande che nascono spontanee, in considerazione che se tale UNIONE nasce per l’abbattimento dei costi perché il Sindaco, gia stipendiato, deve percepire una ulteriore indennità che va a gravare su tutta la collettività isolana? Il gruppo consiliare INSIEME prima dell’approvazione aveva presentato sei emendamenti che correggevano già da ora alcuni errori evidenti, ma sempre nell’armonia del Consiglio Comunale sono stati tutti bocciati, e sempre nella più totale democrazia presente in aula è stato approvato con la DOVUTA astensione del gruppo INSIEME. Al termine del consiglio comunale, come se qualcuno scappasse, il Signor Sindaco proponeva di recarsi dal Notaio per redigere l’Atto Costitutivo senza che lo stesso venisse visionato dal Consiglio. Probabilmente aveva paura che l’indennità gli sfuggiva di mano?
LA REDAZIONE

Nessun commento: