Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2017/10/30

HOME DA QUESTA PARTE DEL MARE

HOME







Warsan Shirenessuno lascia la propria casa a meno che

casa sua non siano le mandibole di uno squalo
verso il confine ci corri solo
quando vedi tutta la città correre
i tuoi vicini che corrono più veloci di te
il fiato insanguinato nelle loro gole
il tuo ex-compagno di classe
che ti ha baciato fino a farti girare la testa dietro alla fabbrica di lattine
ora tiene nella mano una pistola più grande del suo corpo
lasci casa tua
quando è proprio lei a non permetterti più di starci.
nessuno lascia casa sua a meno che non sia proprio lei a scacciarlo
fuoco sotto ai piedi
sangue che ti bolle nella pancia
non avresti mai pensato di farlo
fin quando la lama non ti marchia di minacce incandescenti
il collo
e  nonostante tutto continui a portare l’inno nazionale
sotto il respiro
soltanto dopo aver strappato il passaporto nei bagni di un aeroporto
singhiozzando ad ogni boccone di carta
ti è risultato chiaro il fatto che non ci saresti più tornata.
dovete capire
che nessuno mette i suoi figli su una barca
a meno che l’acqua non sia più sicura della terra
nessuno va a bruciarsi i palmi
sotto ai treni
sotto i vagoni
nessuno passa giorni e notti nel ventre di un camion
nutrendosi di giornali a meno che le miglia percorse
non significhino più di un qualsiasi viaggio.
nessuno striscia sotto ai recinti
nessuno vuole essere picchiato
commiserato
nessuno se li sceglie i campi profughi
o le perquisizioni a nudo che ti lasciano
il corpo pieno di dolori
o il carcere,
perché il carcere è più sicuro
di una città che arde
e un secondino
nella notte
è meglio di un carico
di uomini che assomigliano a tuo padre
nessuno ce la può fare
nessuno lo può sopportare
nessuna pelle può resistere a tanto
Il
Andatevene a casa neri
rifugiati
sporchi immigrati
richiedenti asilo
che prosciugano il nostro paese
negri con le mani aperte
hanno un odore strano
selvaggio
hanno distrutto il loro paese e ora vogliono
distruggere il nostro
le parole
gli sguardi storti
come fai a scrollarteli di dosso?
forse perché il colpo è meno duro
che  un arto divelto
o le parole sono più tenere
che quattordici uomini tra
le cosce
o gli insulti sono più facili
da mandare giù
che le macerie
che le ossa
che il corpo di tuo figlio
fatto a pezzi.
a casa ci voglio tornare,
ma casa mia sono le mandibole di uno squalo
casa mia è la canna di un fucile
e a nessuno verrebbe di lasciare la propria casa
a meno che non sia stata lei a inseguirti fino all’ultima sponda
a meno che casa tua non ti abbia detto
affretta il passo
lasciati i panni dietro
striscia nel deserto
sguazza negli oceani
annega
salvati
fatti fame
chiedi l’elemosina
dimentica la tua dignità
la tua sopravvivenza è più importante
Nessuno lascia casa sua se non quando essa diventa una voce sudaticcia
Che ti mormora nell’orecchio
Vattene,
scappatene da me adesso
non so cosa io sia diventata
ma so che qualsiasi altro posto
è  più sicuro che qui.
                                                                       (Traduzione di Pina Piccolo)


Da questa parte del mare

Giovedì 27 aprile 2017 ore 21.00
(e in replica il 28 aprile)

Teatro dell’Archivolto – Genova, Sala Mercato

PRIMA NAZIONALE

Produzioni Fuorivia e Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale
presentano
«Bisogna avere occhi, cervello e coraggio da spendere»

GIUSEPPE CEDERNA

in

Da questa parte del mare

da GIANMARIA TESTA
regia di Giorgio Gallione
elementi scenografici: Lorenza Gioberti
luci di Andrea Violato
Un ringraziamento a Alessandra Ballerini e Marco Revelli per il loro contributo nella stesura del testo
Produzioni Fuorivia / Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale
In collaborazione con Teatro dell’Archivolto


Da Questa Parte del Mare” è il libro della vita di Gianmaria Testa, è arrivato in libreria, purtroppo postumo, il 19 aprile, per Giulio Einaudi Editori con prefazione di Erri De Luca.
E’ il racconto dei pensieri, delle storie, delle situazioni che hanno contribuito a dar vita ad ognuna delle canzoni dell’album omonimo, ed è un po’, anche, inevitabilmente, il racconto di Gianmaria stesso e delle sue radici. E’ il racconto dei grandi movimenti di popolo di questi anni, ma è anche il racconto delle radici e della loro importanza. Radici che non sono catene, ma sguardi lunghi.
E’ il libro con cui Gianmaria si è congedato in pace, dopo una vita onesta e dritta. È un patrimonio di riflessioni umanissime, senza presunzioni di assolutezza. Un distillato di parole preziose che riesce a restituirci ancora e per sempre la voce di Gianmaria. E’ uno sguardo lucido, durato più di 20 anni, sull’oggi.
Una lingua poetica, affilata, tagliente, insieme burbera ed emozionata. Bellissima.
Adesso questo libro diventa uno spettacolo teatrale vero e proprio e a portarlo in scena sarà Giuseppe Cederna che più volte ha condiviso il palcoscenico con Gianmaria e che con lui condivide ancora, soprattutto, una commossa visione del mondo. Giorgio Gallione, altro amico di Gianmaria, curerà la regia, provando a tradurre in linguaggio, immagini e forma teatrali, parole pensate per la pagina scritta, ma dense di sonorità e musica.
“Da questa parte del mare” è un viaggio struggente, per storie e canzoni, sulle migrazioni umane, ma anche sulle radici e sul senso dell’ “umano”. Un piccolo e intensissimo libro più potente di mille chiacchiere.
Babasunde, che ha perso il suo nome. Rrock Jakaj, violinista di Scutari. E poi quella ragazza intirizzita che cammina verso la stazione. E Tinochika, che si è aggrappato con tutto se stesso allo sguardo di una donna.Gianmaria Testa è ritornato – questa volta nelle vesti non di cantautore ma di scrittore – sul tema delle migrazioni contemporanee. E lo ha fatto senza retorica e con il solo sguardo sensato: raccontando storie di uomini e donne.
“Ciao socio, compare, fratello che non mi è capitato in famiglia e che ho cercato intorno, grazie di accomunarmi al libro della tua vita, che non è un’autobiografia ma una multibiografia di persone e di luoghi, dove sei anche tu….”


Erri De Luca




Isola delle Femmine Isola Pulita: 2017 28 OTTOBRE FACEBOOK CIMITERO TRIBOTO BRUNO ...












2017 28 OTTOBRE FACEBOOK  CIMITERO TRIBOTO BRUNO  RANDAZZO LA NONNA SPARITA VENTIMIGLIA AIELLO MARIA AIELLO BEATRICE FAVALORO CRISCI  MARCO DE BLASI FERRANTE GUTTUSO  


LA VERITA' NON E' UN REATO.
VERGOGNA, LE ORDINANZE DI REQUISIZIONE LOCULI A CONCESSIONI PRIVATE DOVEVANO ESSERE UNA SOLUZIONE TEMPORANEA.
IL SINDACO STEFANO BOLOGNA DAL LONTANO 27-11-2014 ORDINANZA N. 67, INAUGURA LA PRIMA DELLE TANTISSIME ORDINANZE DI REQUISIZIONE LOCULI, MOTIVANDOLA CHE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI ISOLA DELLE FEMMINE SONO ESAURITI I LOCULI DI TUMULAZIONE E NELLE MORE DELLA RELIZZAZIONE DI NUOVI LOCULI, SI MANIFESTA L'IMPRESCENDIBILE NECESSITA' DI PROCEDERE ALLA REQUISIZIONE DI LOCULI CIMITERIALI.
CONTINUANDO A QUESTO RITMO DI MORTALITA' ANCHE I LOCULI DI CONCESSIONE PRIVATA ANDRANNO AD ESAURIRSI.
LA DOMANDA SORGE SPONTANEA, SIG. SINDACO, QUANDO SARA' FATTIBILE UNA PROGRAMMAZIONE SERIA PER AMPLIARE IL CIMITERO?
RISPONDO IO PER LEI, MAI.
ENNESIMA ORDINANZA PER TAPPARE LA FALLA DI QUESTA NAVE CHIAMATA AMMINISTRAZIONE BOLOGNA.
QUESTA AMMINISTRAZIONE CON A CAPO COLUI CHE IL SINDACO LO SA FARE, NON E' STATO CAPACE NON SOLO DI RIPORTARE LA SCALA BALLERINA AL SUO POSTO NATURALE CIOE' IL CIMITERO MA PER UN'USO IMPROPRIO, DECESPUGLIAMENTO E SOTTRAENDOLA AL CITTADINO CHE PER TALE CAUSA, OGNI GIORNO SONO COSTRETTI AL CIMITERO AD UTILIZZARE SCALE FATISCENTI CON UN ALTO TASSO DI PERICOLOSITA'.
OGGI SIAMO VENUTI A CONOSCENZA CHE LA SCALA E' STATA DANNEGGIATA IRRIMEDIABILMENTE DA NON POTER ESSERE PIU' RIPARATA.
ALTRA DOMANDA SORGE SPONTANEA SIG. SINDACO PENSO CHE L'ACQUISTO DI UNA SCALA A NORMA NON SIA PARAGONABILE ALL'ACQUISTO DELL'ISOLOTTO ALLA MODICA CIFRA DI 3,5 MILIONI DI EURO, QUINDI ALLA PORTATA DELLE CASSE O MEGLIO CASSETTINO COMUNALE? SE COSI NON FOSSE DI CONSEGUENZA PER IL PERIODO DEI MORTI CITTADINI ARRANGIATEVI.




ORDINANZA SINDACALE




N. 35 del 27-10-2017




Oggetto: REQUISIZIONE LOCULO NELLA CAPPELLA DI PROPRIETA’ DEL SIG. G. FRANCESCO AL FINE DI SEPPELLIRE LA SALMA DELLA SIG.RA GIOVANNA M.
IL SINDACO
Premesso che:
i loculi di tumulazione del cimitero comunale sono esauriti e nelle more della realizzazione di nuovi loculi, si manifesta l'imprescindibile necessità di procedere alla requisizione temporanea di loculi cimiteriali;
ad oggi vi è una salma in attesa di tumulazione nella camera mortuaria del cimitero comunale, e precisamente la salma della Sig.ra M. Giovanna, nata a Palermo il 14.06.1935 ed ivi deceduta in data in 22.10.2017;
Vista l’autorizzazione al seppellimento rilasciata dall’Ufficiale di Stato Civile di Isola delle Femmine in data 22.10.2017;
Ritenuto che, per quanto sopra esposto, ricorrono i presupposti per l'adozione di un provvedimento contingibile ed urgente teso a prevenire pericoli per l'incolumità e la salute pubblica;
Accertato che nel cimitero comunale vi è la disponibilità di un loculo nella cappella composta da n° 8 loculi di cui 7 liberi, ricadente su area cimiteriale, individuata sul lotto n. 23/B di cui alla delibera di G. M. n. 137 del 11.09.1974, a nome del de cuius Sig. G. Francesco, nato a Isola delle Femmine il 01.01.1922 e deceduto a Palermo il 17.09.1995;
Ritenuto necessario ed urgente requisire temporaneamente un loculo nella cappella sopra citata, al fine di seppellire la salma a deposito per tutelare l'igiene e la salute pubblica e che il loculo è individuato su area assegnata ed individuata come lotto n. 21/A;
Visti gli artt.32 della L.n.833/78, 40 della L.R. n.30/93 e 4 del Decreto dell'Assessorato Regionale alla Sanità del 18.11.1994, che individuano nel Sindaco l'Organo competente all'emanazione di ordinanze di carattere contingibile ed urgente in materia di igiene e sanità pubblica;
Visto il testo unico approvato con RD 27/07/1937 n° 1265;
Visto il DPR n° 285 del 10/09/1990;
Vista la legge regionale n° 48 dell' 11/12/1991;
Visto l'O.A.EE.LL. vigente nella Regione Siciliana;
O R D I N A
Per le motivazioni sopra evidenziate, al fine di seppellire la salma oggi a deposito della Sig.ra M. Giovanna, nata a Palermo il 14.06.1935 e deceduta in data 22.10.2017, la requisizione del loculo libero e Firmato digitalmente da
stefano bologna
CN = bologna stefano
O = non presente
C = IT
Largo Colombo 1, 90040 Tel. 091-8679211 - fax 091-8679225
disponibile nella cappella intestata al de cuius Geraci Francesco, ricadente su area identificata come lotto n. 23/B;
La suddetta requisizione ha carattere temporaneo per il tempo necessario alla realizzazione dei loculi comunali, per un periodo non superiore ad anni 1 (uno);
Il Comune provvederà alla riconsegna del loculo requisito, ripristinandone le originarie condizioni, immediatamente dopo la traslazione e la definitiva tumulazione della salma nei loculi comunali costruiti;
D I S P O N E
• che la presente ordinanza sia immediatamente esecutiva, pubblicata all’Albo pretorio dell’Ente, sul sito internet istituzionale;
• la notifica del provvedimento agli eredi dell’intestatario;
• Avverso la presente Ordinanza può essere presentato entro il termine di giorni sessanta dalla notifica della stessa o da quando lì interessato ne abbia avuto piena conoscenza, ricorso dinanzi al T.A.R. ai sensi della legge 1034/71, ovvero ricorso straordinario al Presidente della Regione Siciliana, da proporre
entro centoventi giorni dalla notifica del presente provvedimento o da quando lì interessato ne abbia avuto piena conoscenza.
IL SINDACO
STEFANO BOLOGNA
Francesco Cancelliere Ora vieni a paruala!!!
(C'è i cariri e muariri)
Ma non si può!😂😂




Rimuovi
Valerio Vermiglio il grasso fratello temporeggia fino alle prossime elezioni...tanto sa che ha causato un problema molto grave dove non gli conviene mettere mano...zio bo dal luglio 93 sempre al servizio ...
Rimuovi
Anthony Siino Sperando che la chiesa del cimitero sia libera per il 2 novembre...



Rimuovi
Stefano TribotoAmministratore del gruppo



 Si la chiesa sarà libera da feretri a deposito in attesa di riquisizione di loculi cimiteriale in quanto da diversi mesi la camera mortuaria è inagibile.




Per la celebrazione di tutti i Santi e commemorazione dei defunti è stato fatto tutto il possibile dal Sindaco per assicurare lo svolgimento della celebrazione a prodotto una ordinanza lampo la 35 del 27-10-2017 per la requisizione di loculi di concessione privata.



Comunicazione;
2 Novembre commemorazione dei fedeli defunti.
Ore 08:30 - 09:30 - 10:30 - 11-30 - 15:30 Sante Messe in chiesa al cimitero.




Rimuovi
Anthony Siino La messa è alle 15:00 non alle 15:30









Rispondi21 h
Rimuovi
Adele Gottuso Sono indegnata
Ho pagato la bolletta del cimitero.
Questa mattina vado e trovo spenta.
Visto che una signora si lamentava ho chiesto pure io al guardiano Antonio.
Una persona arrogante.
Subito non so a chi a telefonato.
Dicendomi che io scrivo su Internet e gli fanno vedere che gli ho detto che lui è di parte.
Ma domani gli porto la bolletta e vediamo se lui si deve comportare così in maniera arrogante.
Poi gli ho detto che per il 2 novembre desidero la luce accesa da mia madre
Mi ha risposto che fa mi minaccia?
Ma chi ti calcola.
Vergognatevi fate dispetti pure hai morti.










Rispondi






23 h
Rimuovi
Valerio Vermiglio HANNO L elenco di quelli che siamo nel  gruppo?ahahah meghiu ca Riru...poi il 23 maggio mi vennu a parranu ri Falcone...















Rispondi






22 h
Rimuovi
Adele Gottuso Per chi legge di quelli che non ci possono sopportare.
Leggete e fate leggere.
Non ho mai offeso nessuno....Altro...
















Rispondi






21 h
Rimuovi
Pino Ferrante Il mio post di oggi è profetico : a Isola la democrazia e il libero pensiero sono optional. VERGOGNA SIAMO TUTTI SCHEDATI da ESSERI IMMONDI E SENZA DIGNITA' che non ci METTONO LA FACCIA. Invece, chi scrive su questo blog ci mette dignitosamente la faccia !
Antonella Cardinale Vergognateviiiiii









Rispondi






23 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Qualcuno vuole abbuscare. ..sono a vostra disposizione. ..e tu guardiano non permetterti più di salutarmi. .....e fai bene il tuo lavoro. ..e stai zitto...Marco di Blasi. ..









Rispondi






21 hModificato
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Avrà telefonato all agente 007 che paura. ..007 io ti guardo e mi viene da ridere. ..









Rispondi






21 h
Rimuovi
Marco Favaloro Io ho ristrutturato delle cappelle al cimitero ed è meglio che non parlo perché qualcuno potrebbe andare a finire in carcere...quello che succede dentro il cimitero non ne avete idea!









Rispondi






20 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Marco Favaloro sappiamo benissimo cosa succede e tranquillo che a breve qualcosa succederà. ..questi INDEGNI. la pagheranno e giustizia sarà fatta. .. ( anche se io non userei giustizia diplomatica. Ma li scannerei a legnate) e tutto verrà a galla...sti INDEGNI. soprattutto quello che mi ha fatto uscire i 500 euro per un posto comunale. ..INDEGNO ..









Rispondi






20 h
Rimuovi
Marco Favaloro Più di quanto tu possa immaginare....









Rispondi






20 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Marco immagino...Quell indegno che lavora al comune e che butta sempre voci si è permesso in un momento di dispiacere (morte di mio papà ) di fare uscire ad una vedova 500 euro per accaparrarsi un posto comunale. ..pezzo di INDEGNO. ..SEI INDEGNO E SAI CHE PARLO DI TE INDEGNO









Rispondi






20 h
Rimuovi
Sara Randazzo Io non ho bisogno d' immaginare, so benissimo cosa succede al cimitero 12 anni fa' mi è sparita nonna e anche la lapide al suo posto è sorta una grande cappella tipo 6 posti, e ancora oggi non so dov'è nonna









Rispondi






20 h
Rimuovi
Rosanna Castellana Ha fatto un esposto?









Rispondi18 h
Rimuovi






Rispondi






17 h
Rimuovi
Sara Randazzo Sembra una barzelletta ma purtroppo è realtà









Rispondi






20 h
Rimuovi
Adele Gottuso Ma state parlando del cimitero di Isola?
Mi vengono i brividi.










Rispondi






20 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Oltre il cimitero di isola stiamo parlando anche di persone di isola









Rispondi20 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Perdonatemi. .specie di persone









Rispondi20 h
Rimuovi
Adele Gottuso Non so nulla.
Mi piacerebbe sapere.
Se qualcuno mi aggiorna anche in privato sul messanger










Rispondi20 h
Rimuovi
Sara Randazzo Non c'è bisogno di parlare in privato posso scrivere pubblicamente









Rispondi20 h
Rimuovi
Sara Randazzo Se vuoi chiedi pure









Rispondi20 h
Rimuovi
Adele Gottuso Come mai non sai di tua nonna??
Ho capito bene?










Rispondi20 h
Rimuovi
Sara Randazzo È letteralmente sparita









Rispondi20 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Hanno fatto costruzione abusiva









Rispondi20 h
Rimuovi
Adele Gottuso MA forse sarà nelle ossaie di qualche loculo
Non può sparire










Rispondi20 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Come in altri casi









Rispondi20 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Che pian piano si scopriranno









Rispondi20 h
Rimuovi
Adele Gottuso Leggo cose a me sconosciute.
Ora guarderò meglio.










Rispondi20 h
Rimuovi
Sara Randazzo E malgrado tante denunce x anni non ho ottenuto nulla quando mi sono presentata al comune con un avvocato e una denuncia fatta diretta alla procura l' unica soddisfazione che ho avuto e stato vedere requisite i loculi in questione dal comune









Rispondi20 h
Rimuovi
Adele Gottuso E quindi l 'hai trovata?









Rispondi20 h
Rimuovi
Francesco Cancelliere Minkiaaa male cose
Haihaihaiiii😕😦😲










Rispondi20 h
Rimuovi
Antonella Cardinale Questa e vera e propria vergogna









Rispondi20 h
Rimuovi
Sara Randazzo No mi è stato detto che non sapevano nulla, ma io so benissimo chi sono stati gli autori di tutto ciò









Rispondi20 h
Rimuovi
Adele Gottuso Ma cosa ne hanno fatto.
Dov'e'il corpo?










Rispondi20 h
Rimuovi
Antonella Cardinale Non si può sentire tipo un film horror









Rispondi20 h
Rimuovi
Sara Randazzo Chi ha eseguito i lavori di muratura era un consigliere e il geometra era un assessore









Rispondi19 h
Rimuovi
Sara Randazzo Tutto nell' abusivismo









Rispondi19 h
Rimuovi
Sara Randazzo La cosa più vergognosa è che le amministrazioni sono complici









Rispondi19 h
Rimuovi
Sara Randazzo La requisizione lo ottenuta grazie ai commissari









Rispondi19 h
Rimuovi
Sara Randazzo Il protagonista di tutto è il responsabile della protezione civile di Isola delle Femmine









Rispondi19 h
Rimuovi
Sara Randazzo Che era già in trattativa x vendere i loculi da lui costruiti









Rispondi19 h
Rimuovi
Adele Gottuso Tutto assurdo.









Rispondi19 h
Rimuovi
Sara Randazzo Non è riuscito a farlo solo x noi ci siamo opposti, ma se dipendeva dal comune lui poteva fare tutto indisturbato









Rispondi19 h
Rimuovi
Maria Antonietta Billeci Che cose assurde si sentono!!









Rispondi19 h
Rimuovi
Fortunato Marco Di Blasi Non sono assurde Maria Antonietta Billeci sono vere...questa amministrazione è composta da gente indegna...quasi tutti.. ma soprattutto uno indegno.. ti spaccherei la faccia









Rispondi19 h
Rimuovi
Adele Gottuso Prendila calma
Hai famiglia.
Tempo al tempo.










Rispondi






19 h
Rimuovi
  1. Fortunato Marco Di Blasi Signora ha ragione. ..non lo farei mai perché trattasi di persona anziana. ..ma se li meriterebbe. ..tempo al tempo. ..concordo con lei






Rispondi






19 h
Rimuovi
Adele Gottuso Non ti devi esporre più di tanto.
Commentiamo.
Oggi Antonio mi ha detto
Che fa mi minaccia???
Ma chi lo conosce.
Arrogante....Subito ha telefonato.
Non so a chi.
Ha avuto paura.
Me ne sono andata ridendo...
Ahahahaha










Rispondi19 h
Rimuovi
Pino Ferrante DOPO I SUPERIORI SCRITTI A NESSUNO DELLA P..A. GLI SORGE IL DUBBIO DI COSA STA ACCADENDO PRESSO UN LUOGO SACRO ? PERCHE' I CONSIGLIERI COMUNALI NON FANNO BUON USO DELL'ART. 27 DELLO STATUTO COMUNALE, PROVVEDENDO ALLA COSTITUZIONE DI UNA COMMISSIONE CONSILIARE SPECIALE SULLE PROBLEMATICHE DEL CIMITERO ?









Rispondi






18 h
Rimuovi
Giuseppe Ciampolillo L'invito ai Consiglieri Comunali Tutti una seduta permanente del consiglio comunale in loco per chiarire TUTTO CIO che di FATTO E' STATO DENUNCIATO SPARIZIONE DI SALME COSTRUZIONI ABUSIVE DI CAPPELLE LOCULI E QUANT'ALTRO COLLUSIONE DELL'AMMINISTRAZIONE CON PERSONA CONDANNATA POER DISTRUZIONE DI LOCULO........... RIPETO a salvaguardia della democrazia della legalità e del diritto immediata AUTOCONVOCAZIONE del Consiglio Comunale