Bertolt Brecht : “Chi non conosce
la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un
delinquente”




Non mi piace

pensare che esiste l’ingiustizia della legge, non mi piace perché è dura da
digerire, mi rendo conto che spesso e volentieri si perde traccia degli eventi
perché non sono più sensazionali e solo grazie alla diretta conoscenza delle
persone coinvolte verrai a sapere che quella storia non è finita così. Ma…………..




“ Non c’è niente di più profondo di ciò
che appare in superficie “






Pino Ciampolillo


2018/07/18

2017 23 NOVEMBRE ROCCO RAPPA N 554 NOVARES SPA RISCOSSIONE COATTIVA TRIBUTI E SANZIONI CODICE STRADA NON RISCOSSE CIG 6935541D7A

2017 23 NOVEMBRE ROCCO RAPPA N 554 NOVARES SPA RISCOSSIONE COATTIVA TRIBUTI E SANZIONI CODICE STRADA NON RISCOSSE CIG 6935541D7A
2019 15 MARZO Voto di scambio, 96 indagati tra assessori e deputati  Tra i nomi anche Cuffaro: «Mai promesso posti all'Ars»

Un sistema diffuso di favoritismi e promesse di posti di lavoro quello che a Termini Imerese, secondo gli inquirenti, sarebbe stato messo in piedi per condizionare due competizioni elettorali. Ci sarebbe anche il nome dell'ex presidente della Regione


Un sistema diffuso di scambio di voti, favoritismi e promesse di posti di lavoro quello che a Termini Imerese, secondo gli inquirenti, sarebbe stato messo in piedi per condizionare due competizioni elettorali: le regionali del 2017 e le comunali dello stesso anno. Al culmine di un'inchiesta che ha trasversalmente toccato gli schieramenti in campo, la Procura della Repubblica ha emesso 96 avvisi di conclusione indagini, un atto che prelude a una richiesta di rinvio a giudizio per assessori regionali, deputati, sindaci e amministratori comunali. Nell'inchiesta figura anche l'ex presidente della Regione Totò Cuffaro, scarcerato nel dicembre del 2015 dopo avere scontato una condanna a sette anni per favoreggiamento alla mafia.

Con lui sarebbero indagati anche il capogruppo all'assemblea regionale di Diventerà Bellisima (lista che fa capo all'attuale Governatore Nello Musumeci) Alessandro Aricò; gli ex coordinatori della Lega in Sicilia Alessandro Pagano e Angelo Attaguile; il candidato (non eletto) del Pd alle regionali, Giuseppe Ferrarello; il sindaco di Termini Imerese, Francesco Giunta, sostenuto da uno schieramento di centro destra. Tra gli indagati anche Loredana Bellavia, che quando il caso è esploso si è dimessa da assessore comunale. 

L'indagine, condotta dal pm Annadomenica Gallucci, è stata avviata due anni fa sull'onda delle polemiche suscitate dalla candidatura nella lista della Lega di Mario Caputo, fratello dell'ex deputato regionale ed ex sindaco di Monreale Salvino che non poteva essere candidato per una condanna per abuso d'ufficio. Al suo posto era stato presentato il fratello ma nella promozione elettorale sarebbe stato utilizzato un espediente: il nome di Mario Caputo era accompagnato dalla specificazione "detto Salvino" che avrebbe, secondo la Procura, indotto gli elettori a confondere l'identità del candidato scambiandolo per il vero Salvino Caputo. Di questa presunta manipolazione della volontà degli elettori rispondono sia i fratelli Caputo sia gli ex coordinatori della Lega in Sicilia, Alessandro Pagano e Angelo Attaguile.

Attorno alle due elezioni sarebbe stato poi organizzato un rodato sistema di scambi e di promesse. Per avere i voti i candidati e i loro promoter, secondo la Procura, avrebbero promesso posti di lavoro, promozioni agli esami di maturità, ammissioni ai test di facoltà a numero chiuso. In questo scambio sarebbero coinvolti esponenti di schieramenti diversi come Filippo Maria Tripoli della lista "Popolari e autonomisti", sostenuto da Totò Cuffaro, e Giuseppe Ferrarello, ex sindaco di Gangi, candidato nella lista del Pd. L'indagine ha casualmente accertato altre irregolarità che coinvolgono il sindaco di Termini Imerese, indagato per uso improprio di mezzi dell'autoparco comunale, e alcuni dipendenti comunali coinvolti in casi di assenteismo.

Immediata la replica dell'ex presidente della Regione: «Mi è stato notificato per conto della Procura di Termini Imerese un atto di chiusura delle indagini dove mi si contesta di 'aver promesso un posto di lavoro all’Ars' in cambio di voti - scrive in una nota Cuffaro - Ho sempre avuto ed ho grande fiducia nella giustizia e rispetto per il lavoro dei magistrati e se sono nella lista insieme ad altri 96 indagati un motivo ci sarà. Appena avrò le carte che mi riguardano le studierò e mi adopererò con i miei avvocati per chiarire questa vicenda che mi viene attribuita. So che è reato promettere posti di lavoro in cambio di voti e so di non aver promesso nessun posto di lavoro all’Ars e so anche di non avere nessun potere, o ruolo (essendo un semplice cittadino senza alcun incarico) e nessuna possibilità di mantenere simili promesse. Conosco Amodeo da 20 anni, è un dirigente politico, e non credo avesse bisogno di promesse di lavoro per votare per Filippo Tripoli col quale ha un ottimo rapporto personale ed ha collaborato per tutta la campagna elettorale. Sono certo di poter chiarire, quanto prima, la mia innocenza rispetto ai fatti che mi si contestano».

«Prima dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari, notificato all’onorevole Angelo Attaguile, nella giornata del 13 marzo scorso - fa sapere il suo legale, Antonio Fiumefreddo -, nessuna notizia il mio assistito aveva ricevuto dalla Procura della Repubblica di Termini Imerese e l’unica conoscenza del procedimento derivava dalle notizie diffuse dalla stampa nei mesi scorsi. Ora che invece è finalmente possibile avere lettura degli atti, procederemo immediatamente a chiedere l’interrogatorio al fine di chiarire tempestivamente l’assoluta estraneità di Attaguile a qualsiasi condotta illecita, non essendosi peraltro lo stesso mai occupato della candidatura del fratello dell’on. Caputo. Siamo certi che in relazione alla posizione di Attaguile, la vicenda si potrà chiarire davvero in tempi rapidi».

BELLAVIA LOREDANA, BOLOGNA STEFANO, CAPUTO SALVINO, CUFFARO, FERRARELLO GIUSEPPE, GARE, GIUNTA FRANCESCO, ISOLA DELLE FEMMINE, LO BIANCO ROSA, NOVARES, RAPPA ROCCO, RIO ALESSANDRO, TERMINI IMERESE, TRIBUTI, 2019 15 MARZO Voto di scambio, 96 indagati tra assessori e deputati Tra i nomi anche Cuffaro: «Mai promesso posti all'Ars»

2017 23 NOVEMBRE ROCCO RAPPA N 554 NOVARES SPA RISCOSSIONE COATTIVA TRIBUTI E SANZIONI CODICE STRADA NON RISCOSSE CIG 6935541D7A. 





2017 23 NOVEMBRE ROCCO RAPPA N 554 NOVARES SPA RISCOSSIONE COATTIVA TRIBUTI E SANZIONI CODICE STRADA NON RISCOSSE CIG 6935541D7A ANAC, BELLAVIA LOREDANA, BOLOGNA STEFANO, CAPUTO SALVINO, CUFFARO, FERRARELLO GIUSEPPE, GARE, GIUNTA FRANCESCO, ISOLA DELLE FEMMINE, LO BIANCO ROSA, NOVARES, RAPPA ROCCO, RIO ALESSANDRO, TERMINI IMERESE, TRIBUTI,

Nessun commento: